La prossima settimana ritireremo le nostre pubblicità dalle piattaforme dei big tecnologici: ecco perché

Faremo invece una donazione alla prossima conferenza sui diritti digitali promossa da Access Now.

 

Le recenti rivelazioni su Facebook e sull’utilizzo della sua piattaforma sono per noi fonte di preoccupazione. Lo scandalo di Cambridge Analytica, come molti titoli da prima pagina legati alla Silicon Valley, porta a chiedersi se i big tecnologici stiano facendo abbastanza per trovare un equilibrio tra i propri interessi personali e una delle loro più importanti responsabilità: salvaguardare la privacy degli utenti.

Sonos crede che tutti debbano avere il diritto di sapere come vengono raccolti e utilizzati i propri dati, e che ciascuno di noi all’interno del settore tecnologico abbia l’obbligo di rispettare gli impegni assunti nei confronti della privacy dei clienti. Le grandi piattaforme digitali ci offrono possibilità incredibili per personalizzare e contestualizzare le nostre pubblicità. Tuttavia, il potenziale di queste capacità porta con sé una notevole responsabilità che non può essere ignorata.

È per questo motivo che, a partire da lunedì, ritireremo i nostri annunci pubblicitari da Facebook, Instagram, Google e Twitter per una settimana e faremo una donazione a supporto di RightsCon, una conferenza sui diritti digitali creata dal beneficiario della nostra iniziativa “Ascolta meglio”, Access Now. Inoltre, la prossima settimana oscureremo i nostri account su Facebook e Instagram in uno spirito di solidarietà con coloro che cercano di costruire un ecosistema tecnologico più sano e a misura dei consumatori.

Qualcuno potrebbe chiedersi: Perché non abbandonare definitivamente queste piattaforme se siamo così preoccupati? Nonostante gli aspetti negativi di queste reti digitali di massa, crediamo sostanzialmente nella capacità della tecnologia di farci sentire uniti e creare esperienze condivise più profonde. Ci siamo resi conto che Facebook, Instagram e altre piattaforme online sono mezzi estremamente efficaci per raggiungere i nostri clienti e condividere la nostra missione aziendale, per non parlare del rimanere in contatto con i nostri amici e familiari. Ma c’è ancora molta strada da fare. Ora è arrivato il momento di affrontare le discussioni più difficili e sostenere coloro che si adoperano per rendere migliori le aziende tecnologiche e informare meglio i loro consumatori.

Il nostro gesto di questa settimana è piccolo, ma è inteso a dare un sostegno significativo alla crescita di un ecosistema di gruppi che lavora esclusivamente per il bene della società nel settore della tecnologia. Crediamo che il nostro ambito, e la società nel suo insieme, potranno essere più sani se aziende come Sonos e Facebook convivono in un ecosistema insieme a una dinamica community di attivisti impegnati nel promuovere il bene sociale.

Organizzazioni come Access Now, che si pongono come ragionevoli controllori del potere e della portata delle aziende tecnologiche, potrebbero usare questi fondi per stabilire un dialogo efficace e raccomandazioni politiche in grado di aiutare tutti noi a migliorare. RightsCon è uno degli eventi di dibattito pubblico in cui le aziende tecnologiche si confrontano direttamente con gli attivisti a parità di condizioni, elaborando soluzioni che possano contribuire a sviluppare un ecosistema tecnologico più sano e adatto a tutti. Fedele al suo costante impegno verso l’apprendimento e l’evoluzione, Sonos sarà un partecipante attivo nell’edizione di RightsCon di quest’anno. Pensiamo sia importante che tutte le parti coinvolte nella creazione di tecnologie ascoltino i pareri di coloro che ne saranno interessati, comprese le categorie più emarginate, come i difensori dei diritti umani, le persone LGBT e le persone di colore. RightsCon è un forum che permette esattamente questo tipo di ascolto e, in definitiva, l’azione.

Per noi, non è questione di un social network o di una piattaforma pubblicitaria, si tratta invece del riconoscimento del lavoro che tutti noi dobbiamo fare, compresa Sonos, per consentire al nostro settore di svolgere un ruolo produttivo e valorizzante nella nostra società, in una modalità che funzioni per tutti.

Questo post è disponibile anche in: en en-gb en-au fr de es da nl sv no